Un grande artista, Giovanni Cappelli 1923-1994

Un grande artista, Giovanni Cappelli 1923-1994

Giovanni Cappelli, di origine contadina, matura la sua personalità in un momento storico terribile, del disordine e della guerra. In lui c’è l’impulso del pittore, una trasposizione naturale, spontanea, con quella capacità di cogliere i sentimenti della vita reale e della quotidianità e trasformarla in grafica e in colori. Giovanni Cappelli racconterà in un’ intervista rilasciata a Radio Due di aver compreso la sua natura artistica quando da piccolo andava insieme agli amici (“un gruppo di ragazzini”) all’Abbazia di Santa Maria del Monte a trovare i monaci perchè gli stessi  regalavano un caco ad ognuno di loro.  In una di queste occasioni conobbe  un pittore di livello internazionale, ospitato dai monaci dell’Abbazia stessa, Pino Conti, il quale chiedeva ai  bambini di posare per delle sue opere. Giovanni Cappelli dirà che “da lì gli si aprì un mondo” tanto da non voler più andar via dallo studio del pittore.  Successivamente fece dei lavori comuni tra i quali, il falegname, finchè l’amore verso la pittura lo portò a seguire questa unica strada. Giovanni Cappelli è un’artista di grande spessore, realista, esistenziale, grande disegnatore. Si trasferì nel 1959 a Milano dove fece diverse mostre facendosi conoscere così a livello nazionale. Ad oggi,che ricorre l’anniversario dei 25 anni della sua scomparsa, lo ricordiamo con grande stima.

Cesena 1923- Milano 1994

Scrivi un commento

This site is protected by wp-copyrightpro.com

CHIUDI
CHIUDI